FICO D’INDIA: effetti disintossicanti

FICO D’INDIA: effetti disintossicanti

Protegge il fegato dalle tossine ambientali che possono essere implicate nel DIABETE. Inoltre molte tossine quali pesticidi e micotossine che si sviluppano per una cattiva conservazione degli alimenti, sono implicate anche nel promuovere danni alla TIROIDE.
L’estratto di FICO D’INDIA protegge le cellule e i loro nuclei dagli effetti citotossici e genotossici del potente estrogeno ZERALENONE una micotossina che è un interferente endocrino.
In natura si trova in particolare nel mais. Importante anche ricordare che tutti gli XENOESTROGENI sono implicati anche nel danno vascolare, nell’infiammazione di organi quali fegato e reni, in malattie cardiache ed in eziologia dell’OVAIO POLICISTICO.
Il fico d’india inoltre è molto ricco di potassio e aumenta la diuresi.
In Sicilia fin da tempi lontani nella medicina popolare i CLADODI di OPUNTIA FICUS – INDICA sono stati usati per il trattamento dell’ulcera gastrica.
Sono in corso ricerche nell’azione di NEUROPROTEZIONE e ANTITUMORALI esercitate dalle pale del fico d’india.

Tratto da AGEMONY
aging in harmony

Mauro Miceli

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *