DIETA CHETOGENICA E ALZHEIMER

DIETA CHETOGENICA E ALZHEIMER

Investigatori della Johns Hopkins University School of Medicine of Baltimora hanno scoperto che quando gli anziani con decadimento cognitivo lieve (MCI) hanno cambiato la loro dieta con una DIETA CHETOGENICA a basso contenuto di carboidrati, hanno avuto un modesto miglioramento della memoria cosa che nessun farmaco fino ad ora è riuscito a realizzare.

Il cervello normalmente utilizza il glucosio come combustibile primario, tuttavia per le persone con Alzheimer (AD), in fase iniziale, la capacità di metabolizzare il glucosio è faticosa.

Risultati preliminari hanno stabilito che cambiando le abitudini alimentari di individui che hanno MCI o AD in fase iniziale con una DIETA CHETOGENICA ricca di grassi e povera di zuccheri e amidi, il cervello e il corpo iniziano ad usare i CHETONI prodotti durante la metabolizzazione del grasso come fonte alternativa di energia.

Confrontando i risultati dei test sulla memoria a breve termine nei pazienti a dieta chetogenica, si è evidenziato un miglioramento di un paio di punti rispetto ai pazienti ai quali non c’è stata una restrizione di carboidrati.

Ulteriori evidenze scientifiche sono necessarie per la conferma di questi risultati.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *