HPV E MICROBIOTA VAGINALE

HPV E MICROBIOTA VAGINALE

Le donne con una scarsa presenza di LATTOBACILLI o con predominanza di LACTOBACILLUS INERS hanno una probabilità da 3 a 5 volte maggiori di acquisire il virus dell’HPV e da 2 a 3 volte maggiori di HPV ad alto rischio. Mentre le donne a predominanza LACTOBACILLUS CRISPATUS risultano più protette dall’infezione e dalla persistenza di HPV.

Queste le conclusioni della review con metanalisi pubblicata su BJOG del 2020, “The vaginal microbiota HPV and cervical dysplasie: a sistemic review and network mete analysis”.

Oggi sappiamo quindi che, non è solo la presenza del virus a condizionare l’eventuale transizione verso una neoplasia del canale cervicale ma è anche la composizione del microbiota vaginale che potrebbe diventare un marcatore prognostico o un ulteriore indicatore di rischio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *